Inclusione

Attenzione specifica rivolta alla categoria della fragilità intesa nell’intera accezione del panorama BES, così come definito dalla normativa di riferimento Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012, CM 8/2013, Legge 104/92, Legge 62/00), accolta in base ai allo stile educativo sopra definito, l’inclusione è l’abbraccio aperto ed indiscriminato con cui si ricevono e si accompagnano i bambini dai bisogni educativi speciali.

La scuola ottempera al dovere di redigere il PIANO ANNUALE DELL’INCUSIVITA’, relazionando proprio sul processo di inclusività agito, sullo stato dell’arte in merito agli interventi inclusivi attivati in itinere e ancor di più presentare una proiezione globale di miglioramento che essa intende realizzare attraverso tutte le specifiche risorse che possiede.

In esso sono inclusi i PDP ed i PEI dei singoli alunni, ma in linea generale si può affermare che la scuola si propone come luogo di inclusione in cui vengono riconosciute specificità e differenze.

 

Ogni bambino infatti è visto come persona unica ed irripetibile, tuttavia si possono individuare al suo interno alcuni obiettivi ricorrenti.

  • Conoscere se stesso per riuscire a comunicare e conoscere gli altri
  • Condividere giochi ed esperienze
  • Riconoscersi parte integrante del gruppo
  • Controllare e superare situazioni di frustrazione cognitiva ed emotiva
  • Socializzare tra bambini di cultura e provenienza diversa
  • Favorire attività che garantiscano l’accessibilità a tutti
  • Attuare comportamenti che favoriscano un atteggiamento positivo nei confronti di tutti e senza nessuna discriminazione