Intercultura

Parla di prospettiva interculturale, soprattutto in relazione alla realtà sociale e culturale che sta permeando il nostro paese, anche lontano dalle città metropolitane, significa favorire nei bambini atteggiamenti di accoglienza delle diversità da cogliere come ricchezza per ciascuno; ampliare l’orizzonte culturale per accogliere gli altri come amici con i quali poter condividere giochi ed esperienze; stimolare e ampliare le modalità di comunicazione attraverso molteplici linguaggi.

Su tali basi si muove la riflessione pedagogica che accompagna la cura progettuale della scuola Provvidenza, non tanto in relazione a momenti particolari dell’anno scolastico od in relazione a situazioni contingenti, quanto a livello generale di approccio complessivo alla realtà dell’oggi.

Il taglio interculturale fa parte dunque del macro – progetto dell’Istituto Le “Nuove Indicazioni per il Curricolo nella scuola dell’Infanzia Statale evidenziano che “…il bambino si rende conto che esistono punti di vista diversi e sa tenerne conto. È consapevole delle differenze e sa averne rispetto. Ascolta gli altri e dà spiegazioni del proprio comportamento e del proprio punto di vista. Dialoga, discute e progetta confrontando ipotesi e procedure, gioca e lavora in modo costruttivo e creativo con gli altri bambini…” Il cammino che si intende percorrere vuole favorire la scoperta e l’accoglienza delle diversità, servendosi del dialogo come fonte di conoscenza reciproca, di scoperta di cose nuove.